L’atto di riassunzione del processo va notificato all’erede della parte deceduta

Nell’ipotesi in cui il giudizio venga interrotto per il decesso di una parte in causa, poiché la legitimatio ad causam è trasmessa all’erede, l’atto di riassunzione del processo deve essere notificato a quest'ultimo.

SENTENZA
sul ricorso 1143-2014 proposto da: M.L. ex lege domiciliato in Roma, p.zza Cavour presso la Cancelleria della Corte di cassazione e rappresentato e difeso dall'Avvocato Vincenzo Gatto;
- ricorrente - contro B,M.R., B.R. A., P.E., ex lege domiciliate in Roma, p.zza Cavour presso la Cancelleria della Corte di cassazione e rappresentate e difese dall'Avvocato Carlo Zampaglione; - controricorrenti - avverso la sentenza n. 404/2013 della Corte d'appello di Messina, depositata il 23/05/2013; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 29/03/2018 dal Consigliere Annamaria Casadonte;
udito il P.M. in persona del Sostituto procuratore generale Gianfranco Servello che ha concluso per l'accoglimento per quanto di ragione del ricorso.
FATTI DI CAUSA
1.Con sentenza in data 21 gennaio 2005 il Tribunale di Barcellona P.G. decideva sulla domanda proposta da M.G. e B.P. nei confronti di E.P. e G.B.i avente ad oggetto il terrazzo come ricostruito ed il corpo di fabbrica realizzati dai convenuti sulla loro proprietà, sita nel Comune di Lipari , asseritamente in violazione delle norme codicistiche a tutela della veduta diretta ed obliqua esercitata da oltre sessant'anni dall'immobile Marziani sia verso l'immobile dei convenuti che verso il mare. Il tribunale adito dopo avere ravvisato il difetto di legittimazione attiva del Bonifacio in quanto mero conduttore, dichiarava che il terrazzo dei convenuti violava il diritto di veduta esistente ordinandone la demolizione sino al ripristino della situazione preesistente con condanna dei convenuti al risarcimento in via equitativa del danno a favore di parte attrice.
2.Avverso tale pronuncia proponevano appello E.P. e le figlie R.A: e R.M.B., la prima anche in proprio e tutte quali coeredi di G.B..
Si costituiva il sig. M. contestando le ragioni dell'appello e in via incidentale chiedendo la condanna degli appellanti alla demolizione del corpo di fabbrica sito sulla terrazza nonché all'abbassamento del piano di calpestio ed alla determinazione in misura più congrua del risarcimento del danno.
3.Nel corso del giudizio la causa era interrotta per la morte dell'appellato e il giudizio è stato riassunto nei confronti di S.M.i quale "fratello ed erede" del signor Gi.M..
4.Con sentenza n. 404/2013 la Corte d'appello di Messina, in riforma della pronuncia impugnata, rigettava tutte le domande di M.G. con assorbimento dell'appello incidentale.
In particolare, la corte escludeva che l'originario attore avesse esercitato una servitù di veduta sul terreno e sul rudere delle appellanti e che avesse, conseguentemente, titolo per lamentare una lesione al proprio diritto a causa della sopraelevazione di circa 70 cm della quota del terrazzo e della edificazione, ex novo, del corpo di fabbrica aderente al fabbricato M..
5.Per la cassazione della pronuncia della corte distrettuale ha proposto ricorso L-M-i, figlio ed erede di G., affidato a cinque motivi, cui resistono con controricorso E.P.R.A.e R.M.B..
RAGIONI DELLA DECISIONE 1.Con il primo motivo il ricorrente deduce la nullità di tutti gli atti del processo in grado d'appello compiuti a partire dalla data del 15 febbraio 2009, termine fissato per la notifica del ricorso in riassunzione, e della sentenza che ha definito il giudizio d'appello, per violazione delle norme di cui agli artt.303 e 305 cod. proc. civ., in relazione all'art. 360 comma 1, n. 4 cod. proc. civ.. Nello specifico il ricorrente denuncia che il ricorso in riassunzione avrebbe dovuto essergli notificato nel termine concesso, in quanto unico erede di M.G. in ragione del suo status di figlio del defunto. Ric. 2014 n. 01143 sez. 52 - ud. 29-03-2018 -3- 2. Con il secondo motivo il ricorrente deduce la nullità di tutti gli atti processuali compiuti nel giudizio d'appello e nullità della sentenza per violazione del principio del contraddittorio di cui all'art. 101 cod. proc. civ. in relazione all'art. 360 comma 1, n.4 cod. proc. civ. . 3.Con il terzo motivo il ricorrente deduce la nullità di tutti gli atti compiuti nel processo d'appello dopo la data dell'8 dicembre 2008, data della morte dell'appellato Santi Marziani, per violazione dell'art. 299 cod. proc. civ. sull'interruzione del processo in relazione all'art. 360 comma 1, n. 4. cod. proc. civ.. 4. Con il quarto motivo si deduce la violazione e falsa applicazione delle norme di cui artt. 900 e 917 cod. civ., in relazione all'articolo 360 comma 1, n. 3 cod. proc. civ., per avere erroneamente ritenuto che il "bisolo" - muretto di pietra che delimita la terrazza e che funge da sedile, tipico elemento dell'architettura eoliana - per la sua conformazione escluderebbe l'esercizio della veduta dalla terrazza stessa. 5. Con il quinto motivo il ricorrente denuncia la violazione e falsa applicazione delle norme di cui agli artt. 2056 e 1226 cod. civ. in relazione all'art. 360 comma 1 n. 3 cod. proc. civ. per non avere valorizzato le circostanze concrete (panoramicità verso il mare dell'immobile Marziani ed utilizzo come residence per turisti) pervenendo così ad una somma inadeguata rispetto al danno effettivamente patito. 6. Esposti i motivi di doglianza, si procede dall'esame del primo che è fondato e va accolto poiché non è contestato che il ricorrente sia il figlio ed unico erede universale di Giovanni Marziani e, pertanto, legittimato passivo al quale, ai sensi dell'art. 110 cod. proc. civ. avrebbe dovuto essere necessariamente notificato l'atto di riassunzione del processo. Ric. 2014 n. 01143 sez. 52 - ud. 29-03-2018 -4- Tale qualità soggettiva risultava dall'allegata dichiarazione di apertura della successione presentata avanti all'Ufficio del registro di Lipari (Messina) e resa il 22/11/2007; va, peraltro, precisato che nell'ipotesi di morte di una delle parti in corso di giudizio, la relativa "legitimatio ad causam" si trasmette (salvo i casi di cui agli artt. 460 e 486 cod. civ.) non al semplice chiamato all'eredità bensì ( in via esclusiva) all' erede, tale per effetto di accettazione, espressa o tacita, del compendio ereditario, non essendo la semplice delazione (conseguente alla successione) presupposto sufficiente per l'acquisto di tale qualità, nemmeno nella ipotesi in cui il destinatario della riassunzione del procedimento rivesta la qualifica di erede necessario del "de cuius", occorrendone, pur sempre, la materiale accettazione (cfr. Cass. 13571/2006). 6.1. Perciò la sentenza pronunciata dalla corte d'appello, in difetto della riassunzione del processo interrotto ai sensi dell'art. 303 cod. proc. civ. nei confronti del soggetto legittimato passivo, va dichiarata nulla e tale decisione assorbe l'esame degli altri motivi di ricorso. 7. La causa deve essere quindi rimessa alla Corte d'appello di Messina, altra sezione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di cassazione.
P.Q.M.
La Corte accoglie il primo motivo, assorbiti gli altri; dichiara la nullità della sentenza impugnata e rinvia la causa alla Corte d'appello di Messina, altra sezione, anche per le spese del giudizio di cassazione. Roma, così deciso nella camera di consiglio del 29 marzo 2018. Il consigliere est. Annamaria Casadonte Il Presidente



Newsletter

Vuoi ricevere ogni giorno nella tua casella e-mail l'ultima sentenza della Corte Suprema di Cassazione della disciplina prescelta?

Cliccando su "Iscriviti" accetti di ricevere la newsletter giornaliera del nostro sito. Indicando la disciplina, riceverai unicamente notizie relative alla disciplina selezionata.

Potrai disiscriverti in ogni momento tramite un link presente in ciascuna newsletter che ti invieremo.

Social network

Dove siamo