La legittimazione passiva dell’esecutore testamentario secondo la Suprema Corte di Cassazione